Le proprietà dell'estratto dei semi di pompelmo (GSE)

Farmacia Castelletti

Lo sai che il pompelmo è un frutto benefico per l’organismo? In particolare il suo estratto è un antibiotico naturale in grado di aiutarti a combattere l’attacco di virus e batteri. Ecco tutto quello che c’è da sapere su questo GSE.

Estratto dei semi di pompelmo: cos’è e cosa contiene

Il pompelmo è un frutto proveniente dall’India Occidentale. Questo fu importato in Florida durante il XIX secolo e il clima favorevole ne incentivò la diffusione. Si distingue per il suo sapore amarognolo di cui è responsabile la naringina, nota per le sue proprietà antivirali.

A scoprire le sue proprietà benefiche fu il medico Jakob Harich. Notò quanto il processo di decomposizione di semi e bucce fosse lungo. Dopo aver analizzato in laboratorio ogni elemento utile venne fuori la presenza di alcune sostanze similari a quelle degli antibiotici. Per questo motivo ritenne che l'azione del frutto potesse essere decisiva contro l’attacco di parassiti, virus e funghi.

Il pompelmo, se viene assunto come estratto, rilascia bioflavonoidi e glucosidi che sono in grado di svolgere un’azione emostatica, coagulante, antiallergica e antinfiammatoria. Allo stesso modo i glucosidi fanno bene al fegato e al cuore, incentivando l’azione antinfettiva.

Estratto dei semi di pompelmo: le proprietà benefiche

L’estratto di pompelmo è un vero e proprio booster per il tuo organismo. Infatti riesce a stimolare le difese immunitarie e a rinforzarle, può essere usato da grandi e piccini senza grandi controindicazioni e ha un potere fortemente antiossidante. Per cui preserva l’integrità delle cellule del corpo e la loro struttura.

L’organismo umano, anche se può difendersi naturalmente dall’azione dannosa provocata da stress fisico e mentale, fumo, radiazioni o inquinamento, ha bisogno sempre di maggiore protezione. Quindi se si associa l’estratto di pompelmo ad una buona dose di vitamina A, C ed E, è possibile contrastare questi effetti e prevenire il precoce invecchiamento delle cellule.

L’estratto dei semi di pompelmo può essere utilizzato anche come disinfettante. Infatti sulle ferite provoca una rimarginazione veloce. Inoltre viene utilizzato anche per curare stomatiti, infezioni della gola come laringiti o faringiti, oppure, dei genitali. Viene assunto per bocca, diluendo dieci gocce in un bicchiere d’acqua.

Molto interessante è la sua azione benefica contro l’herpes labiale. Diluendo una sola goccia di GSE su nove di acqua, è possibile spalmarlo sulla zona aggredita e strofinare la soluzione con un bastoncino. Allo stesso modo riesce ad agire contro l’acne, micosi delle unghie e della pelle. Qualora lo stato delle unghie non migliori, allora, si può usare l’estratto in purezza.

I semi di pompelmo sono efficaci anche per il trattamento della candida albicans. Questo fungo che è simile a un lievito, si deposita su mucose e cute. Può provocare reazioni allergiche, asma, cefalee, depressione, dolori reumatici e in alcuni casi anche neoplasie. L’estratto dei semi di pompelmo, quindi, è un buon rimedio per combattere gli effetti collaterali. È bene, però, sempre rivolgersi prima presso il tuo medico di fiducia per comprendere la natura dell'infezione.

Infine i semi di pompelmo sono utili anche per chi soffre di malattie coronariche o arterosclerosi. Infatti le pareti dei vasi sanguigni, grazie a all'estratto, diventano più elastiche con il tempo.

Estratto dei semi di pompelmo: la sua efficacia

L’estratto di semi di pompelmo è un antibiotico naturale ed estremamente potente. Sono stati segnalati, però, casi in cui la sua efficacia risulta più blanda. Ciò può dipendere da un uso improprio verso ceppi di infezione più resistenti.

Per poter utilizzare il GSE è bene, quindi, conoscere la natura del problema, quindi, comprendere come trattarlo al meglio.